Informazioni utili:

Come scegliere un Corso di formazione per Sommelier

La figura del Sommelier e la sua qualifica professionale

La professione del “sommelier” nasce nel XVI secolo in Francia, patria della cultura moderna del vino, quale figura cui un tempo, nelle tenute nobiliari e nei ristoranti di pregio, venivano attribuiti i compiti di gestione della cantina, ricerca, acquisto e conservazione dei vini. La scelta del vino, la stappatura, l’assaggio e il servizio diventarono un rito affascinante e coreografico sempre più richiesto nelle mense importanti a cui nel tempo hanno ambito assistere curiosi, esperti e saccenti d’ogni epoca.

Sommelier ai giorni nostri

Ai giorni nostri il sommelier è una figura di primaria rilevanza per la valorizzazione del patrimonio enogastronomico, turistico e culturale del nostro paese quale professionista anche in grado di effettuare un’analisi organolettica del vino al fine di valutarne la tipologia, la qualità, le caratteristiche, le potenzialità di conservazione, il tutto anche in funzione del corretto abbinamento vino-cibo.
Al riguardo, la risoluzione dell’OIV (Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, organismo intergovernativo di tipo scientifico e tecnico, di competenza riconosciuta nell’ambito della vigna, del vino, delle bevande a base di vino, delle uve da tavola, delle uve passa e degli altri prodotti della vigna, creata nel 2001 e composta da 47 stati membri tra cui l’Italia), nella risoluzione OIV ECO 474 – 2014 definisce il sommelier quale “un professionista del settore vitivinicolo e della ristorazione (ristoranti, wine-bar), enoteche o altri attori della distribuzione che raccomandano e servono bevande a livello professionale.
Il suo campo di azione riguarda il servizio del vino nell’ambito della ristorazione o negli esercizi in cui si vende vino, nonché la consulenza specializzata agli attori del mercato vinicolo, assicurando una presentazione e il servizio adeguati dei prodotti, Il sommelier ha seguito un corso di formazione che prevede il rilascio di un diploma o di una certificazione conforme alla definizione, al ruolo e alle competenze previsti
nella presente risoluzione”.

Riconoscimenti internazionali

L’unica associazione riconosciuta al mondo dai sommelier è l’ASI – Association de la Sommellerie Internationale ( http://www.sommellerie-internationale.com ), che ha sede a Parigi ed è stata fondata a Reims (Francia) nel giugno del 1969. Vi aderisce una sola associazione per nazione, per un totale di 55 nazioni/associazioni.
In Italia l’unica associazione riconosciuta dall’ASI è l’ASPI – Associazione della Sommellerie Professionale Italiana, con sede a Milano, come confermato dal Presidente ASI. Si riporta uno stralcio della dichiarazione:
“ ….i concorsi internazionali di sommelier riconosciuti per la loro serietà e la loro professionalità sono organizzati esclusivamente dall’A.S.I. Già dal 1969 esiste il Concorso per il Miglior Sommelier del Mondo e, successivamente, i Concorsi Continentali per l’Europa, le Americhe e per l’Asia & Oceania, l’A.S.I. non avalla alcun altro concorso internazionale di sommelier, l’A.S.I. organizza in tutto il mondo un esame di certificazione di alto livello (Diploma di Sommelier A.S.I.), destinato e riservato ai  sommelier appartenenti alle sue sole associazioni membri attivi…”.
Anche tale diploma però, seppur conferito da un’autorevole Associazione e
riconosciuto dalle associazioni o organizzazioni internazionali aderenti all’ASPI, non è formalmente riconosciuto dall’ordinamento italiano quale titolo legittimante l’esercizio della professione di sommelier.

contattaci

 

Compila il form oppure scrivici una mail per avere informazioni sulla didattica, i corsi, gli eventi, le degustazioni e le visite presso le cantine. 

Informativa sulla Privacy

7 + 14 =

Associazione Romana Sommelier

Via Giuseppe Taverna 150 - 00135 Roma

C.F. 97121680587 P. IVA 13272001002

Telefono

351 681 3883

Fax 06.972.55.581