Sapere di Vino

 

vino in tavola

DALLA CANTINA FINO ALLE NOSTRE TAVOLE

 

IL SEGRETO DEL BUON SOMMELIER

Il segreto di un buon Sommelier: quando un Sommelier esamina un vino ci mette tutta la sua esperienza e passione. Dietro una degustazione tecnica ci son molti anni di esperienza e soprattutto dedizione. L’esercizio quotidiano è il segreto. Quelle tecniche e pratiche, apprese in un corso sul vino, devono essere interiorizzate, fatte proprie, capite a fondo prima di poter produrre un risultato vero ed affidabile. Parliamo allora del giudizio tecnico sul vino in degustazione al Sommelier.

Ogni vino è diverso. Proviene da uve , terreni, annate e lavorazioni differenti, insomma da storie diverse. Degustare significa cogliere tutte queste differenze e caratteristiche, che alla fine rendono unico ogni vino e , con l’aiuto dei sensi (olfatto, vista e tatto) , riconoscerle e classificarle. Un bravo Sommelier dovrebbe riconoscere già dal colore alcune caratteristiche che gli permettono l’opera di catalogazione: ad esempio per un vino bianco fermo , il colore giallo paglierino molto limpido con tenui riflessi verdolini, spesso denota un vino del nord Italia od Europa (in Germania usano servire i vini in bicchieri con lo stelo verde per esaltare le caratteristiche verdoline).

Il dorato e l’ambrato sono spesso sintomi di ossidazione. Naturalmente, lo stesso colore ambrato, per un vino passito o per un vino liquoroso è assolutamente normale! Avete mai assistito ad una degustazione di un Sommelier dell’ARS ? Beh.. se ne avete l’occasione fatelo!